OMEGA FITNESS CLUB

Alessandro Tamburlani è uno degli imprenditori più giovani e visionari per cui ho avuto il piacere di lavorare. Quando si è rivolto a SOLUTZIONE aveva le idee chiarissime sulla direzione da dare alla seconda delle sue palestre – nonostante si fosse rivolto a noi principalmente per curare il lancio della terza, sempre nel centro di Roma.

I suoi clubs si rivolgono a un target molto particolare: prevalentemente imprenditori, professionisti, industriali e persone politicamente esposte. Di conseguenza i servizi offerti sono studiati ad hoc per le loro esigenze: dalle attività proposte alle modalità di erogazione.

Fortunatamente, sono riuscita a raggiungerlo in una delle sue sedi prima del lockdown (il 5 marzo 2020). Abbiamo passato mezza giornata insieme, ho conosciuto il suo staff e sono rientrata a Milano con quasi 5 ore di registrazioni e interviste da riascoltare.

Di solito i copy di SOLUTZIONE non vanno a visitare i clienti di persona, ma per questa campagna è stato cruciale.

Infatti questa era una di quelle (rare) volte in cui il problema non era studiare un approccio differenziante per presentare l’azienda al mercato, ma isolarne solo uno tra i diversi presenti.

Quando sembra “tutto troppo bello per essere vero” (ma è vero) la sfida del marketing è trasmettere immediatamente fiducia e credibilità ai clienti, senza apparire leziosi o sensazionalistici.

Per la campagna di farming (offline) ho scelto di puntare sul sistema di Fit Coin, unico in Italia: una “moneta interna” con cui i clienti vengono pagati (letteralmente) per continuare ad allenarsi all’interno del club e ottenere risultati.

Se avessi parlato del fatto che i centri Omega sono tutti a numero chiuso o della garanzia “soddisfatti o rimborsati” valida fino al 364° giorno di ogni abbonamento annuale, non sarebbe emersa la visione imprenditoriale di Alessandro: aiutare veramente le persone, concretamente e ad ogni costo.

Dopo il nostro incontro l’Italia è precipitata nel lockdown e quello del Fitness è stato uno dei settori più colpiti: uno dei settori in cui c’era più bisogno di riorganizzare tutto.

Da qui è nata l’idea di creare una campagna di Joint Venture per ampliare lo staff (al posto di quella di Upsell che avevamo stabilito in origine) accompagnata da una Landing Page ottimizzata per l’acquisizione di clienti online.

Nel frattempo, infatti, Alessandro non solo aveva creato una piattaforma di allenamento per continuare a seguire i suoi clienti a distanza, ma intendeva offrire una collaborazione mirata ai Fitness Influencers per essere sicuro di farlo al meglio.

Molti istruttori si sono trovati improvvisamente senza lavoro e allo stesso tempo sprovvisti di strumenti e risorse adatte per monetizzare followers e clienti. La soluzione? Proporgli un pacchetto di servizi pre e post vendita chiavi in mano che abbiamo studiato insieme.

Dopo tre mesi di lavoro, mi sono ritrovata a ripensare l’intera campagna da zero per adattarla al nuovo scenario di mercato e alle esigenze più sentite dai protagonisti del settore.

La ricerca si è rivelata ancora una volta fondamentale per intervenire tempestivamente permettendo così ad Alessandro di anticipare i concorrenti e ricavarsi un ulteriore vantaggio competitivo – anche nel bel mezzo di una crisi.

Non vedo l’ora che il governo permetta finalmente ad Alessandro di tornare a lavorare, di aprire il terzo centro, e a me di verificare i risultati delle campagne. Sono molto fiduciosa a riguardo: la Big Idea e l’intera offerta sono assolutamente originali e di grande interesse per il target di riferimento.

Parafrasando il copywriter che ha reso leggendaria la DDB negli anni 50’, Bill Bernbach, l’elemento più importante di un annuncio è la verità – come ci piace dire in SOLUTZIONE, la verità detta bene.

Torna su